Categorie
Repertorio Repertorio completo

La mia zent

“La mia zent” rappresenta un’ironica autocritica della testardaggine che a volte contraddistingue noi gente di montagna.

Il brano è scritto dal punto di vista di una giovane donna delusa dal comportamento dei propri compaesani: coloro che lei credeva rappresentassero l’ideale di vita e di tradizione da seguire e valorizzare si rivelano sconfortanti al pari di chi è esterno alla piccola realtà paesana.

Il poeta prende spunto da un litigio per l’eredità e dalla decisione di dividere in due il grande paiolo per cagliare il latte pur di non arrivare ad un accordo sull’attribuzione.

Alura so ‘ndada paricc fo de ment
A forsa de scultà tucc i dì “la mia zent”.
La mia zent la pü buna, la mia zent la pü scaltra
Ela miga pu precisa de na banda u de l’altra?

La mia zent che la grigna la mia zent che la plandi.
La mia zent che gà cör…
So restada ‘n mudandi.

La mia zent che trebüla a purtà sü ‘l sö fé
La mia zent che la süda sul co e sul dedré.
La mia zent che la speta che ‘l pasi ‘l stratemp
Ela miga cume quela de lazü, zü ‘n vers Trent?

La mia zent che sembrava la pü sperta che spöl
Ala miga in düi toc, spartì en gran paröl ?
Allora sono andata parecchio fuori di testa
A forza di sentire tutti i giorni “La mia gente”
La mia gente la più buona, la mia gente la più furba
No è poi uguale da una parte o dall’altra?

La mia gente che ride, la mia gente che piange
La mia gente che ha cuore…
Sono rimasta in mutande

La mia gente che fatica a portare su il suo fieno
La mia gente che suda sulla testa e sulla schiena
La mia gente che aspetta che passi il maltempo
Non è come quella laggiù verso Trento?

La mia gente che sembrava la più intelligente che si può
Non ha in due pezzi diviso un grande paiolo?
You don't have permission to access this content